Non essere piccolo

ingiunzione non essere piccolo1

Chiedere e pretendere dai bambini di essere adulti troppo presto, giudicandoli “ometti” o “donnine” o pretendere che non piangano anche se sono ancora in fasce; o, ancora, che ricevano carezze affinché siano educati prima e meglio degli altri bimbi; o chiedere di occuparsi dei fratellini più piccoli, sono tutti messaggi che impediscono al bambino di essere piccolo per ricoprire il ruolo che, spesso, è proprio dei genitori.

L’ingiunzione “Non essere piccolo” è caratterizzata da normativi svalutanti che inibiscono l’espressione libera e creativa della persona sia da bambino sia in età adulta, limitando le espressioni proprie dello stato dell’Io Bambino.

Le affermazioni caratterizzanti la presenza di tali ingiunzioni sono le seguenti:

  • lasciarsi coccolare è infantile;
  • non è da adulti camminare per strada mangiando un gelato; giocare da grandi è un perditempo;
  • non mi piacciono i modi di fare dei bambini;
  • è ridicolo che gli adulti giochino come giocavano da piccoli;
  • non mi piace giocare con i bambini come se fossi uno di loro.

Con l’ingiunzione Non Essere Piccolo sono inibite anche forme di espressione affettiva gioiosa e probabilmente è presente una restrizione dell’atteggiamento tenero ed affettuoso verso sé. Le persone con elevato Non Essere Piccolo hanno difficoltà ad esprimere spontaneamente aspetti ludici e ad adottare atteggiamenti affettuosi verso sé.

Limita l’autonomia ed ostacola quella “regressione creativa” che permette spontaneità ed esplorazione e, quindi, inibisce la libertà e l’espressione ludica per aderire a modelli restrittivi di “autonomia adulta”.

E’ presente la difficoltà ad assumere l’autonomia usando le proprie competenze adulte e tendano a relazionarsi in modo irretito privilegiando posizioni di dipendenza nelle relazioni con gli altri.

La storia evolutiva del Non Essere Piccolo è caratterizzata da un clima relazionale in cui sono state inibite le manifestazioni di affetto spontanee e la libertà creativa ed, al tempo stesso, veniva incoraggiata l’autonomia intesa come capacità di affrontare la vita senza perdersi nei piaceri infantili.

Quante volte capita che la domenica – giorno festivo che può consentire qualche ora di sonno in più e maggiore relax – accada che i bambini, invero, si sveglino al  solito orario?

Il fatto è che, loro,  non hanno giorni della settimana “prefissati” e/o diversi l’uno dall’altro; non hanno giorni da dedicare al riposo (in misura maggiore rispetto ad altri) o al lavoro. Hanno solo una sveglia interiore che va con i loro bisogni e i loro desideri: è una sveglia fisiologica e psicologica.

E quante volte, allora, per tale ragione si pensa – e talvolta si dice – “Anche oggi devo alzarsi presto. Come vorrei dormire ancora! Se solo fosse più dormiglione/a”. “Se solo fosse più grande…”. E, così pensando e dicendo, si pretende che i bambini siano in grado di fare cose che non sono contemplate vista la loro età e la loro fase di sviluppo, saltando le loro teppe fondamentali e accelerando il loro percorso evolutivo. 

Vorremo, dunque:

  • Che siano più responsabili, non solo della loro vita, ma anche della nostra;
  • Che intuiscano e comprendano le nostre (dei genitori) richieste e i nostri bisogni;
  • Che interrompano le loro occupazioni per dedicarsi a qualcosa di più importante, per noi e non per loro;
  • Che siano in grado e, spesso, da soli di risolvere i problemi e le difficoltà che incontrano;
  • Che siano coerenti nonostante la loro fase legata all’egocentrismo che impedisce loro di essere coerenti come noi adulti vorremmo;
  • Che siano costanti nel seguire determinati percorsi quotidiani (dormire, mangiare e così via) senza che noi genitori ricordiamo ciò che è importante fare di volta in volta;
  • Che siano grandi nel SAPERE e COMPRENDERE il da farsi: infilare il giubbotto sa solo; allacciarsi le scarpe; saper scrivere prima del tempo; capire e introiettare una miriade di informazioni e spiegazioni date con modalità incompresibili per l’età dei bambini stessi.

Attenzione, dunque, ai seguenti messaggi:

  • “Sei troppo grande per piangere!”.
  • “Ora sei grande e puoi occuparti dei tuoi fratellini più piccoli!”.
  • “Non è ora di giocare e divertirti: devi fare i compiti, riordinare la tua stanza, preparare lo zaino per domani…” e così via
  • Oppure: “Se solo fossi più grande ora sarei più libero/a di fare quello che voglio…”

Altri messaggi, sono:

  • “Devi essere responsabile!”;
  • “Devi fare il tuo dovere!”;
  • “Devi prenderti cura di…”.

L’ingiunzione “Non essere piccolo” “Non essere un bambino”, può anche scaturire dai contrasti dei genitori che nascono da diatribe sull’educazione o la cura del bambino stesso, di fronte ai quali il bambino può decidere di crescere e non essere un bambino, al fine di porre fine ai litigi di mamma e papà.

Diamo ai bambini il permesso di Essere Piccoli, di Essere Bambini, di vivere e godere la loro età evitando di sollecitare, interiorizzare e costruire la sua vita su un’ingiunzione che renderà la loro vita, presente e futura, inadeguata, disfunzionale e maladattiva, senza godere le gioie che arrivano, soffocando i propri bisogni e bruciando le tappe fondamentali di un sano sviluppo psicoemotivo e fisico.

Ridimensioniamo, allora, le nostre aspettative e ricordiamo ciò che abbiamo vissuto alla loro età e, soprattutto, ciò che non ci è stato concesso e riconosciuto, consentendo così al bambino di oggi (nostro figlio) di vivere in maniera gioiosa e magica la sua meravigliosa infanzia. Accompagnandolo potremmo anche vivere insieme e avere ciò che, invero, non abbiamo vissuto. INSIEME!!!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...